behance

venerdì 23 settembre 2011


Per la prima volta partecipo al concorso di Tapirulan, il tema é: privacy!
Questa é la mia illustrazione, ho voluto rappresentare quel leggero pudore, che attraversa tutti noi, quando mostriamo a sconosciuti un qualcosa di così intimo come il nostro mondo di immagini...
Incrocio le dita :D

domenica 18 settembre 2011

Mi domando, vado o non vado alla Fiera di Montreuil quest'anno?
Ora, la manifestazione è stupenda, tante cose da vedere, bellissimi libri, persone, thé alla menta etc etc...
ma in 3 anni che cosa ho concluso?
Mi sono creata dei contatti che mantengo vivi rimandando periodicamente un PDF con sempre nuove immagini, ma tutto ciò darà i suoi frutti?
Sono d'accordo sul fatto che alle cose bisogna crederci ed essere costanti e testardi e spaccaballe etc etc... ma ritengo anche che, ad un certo punto, sia umano provare sfiducia, sia umano pensare: cosa ho fatto di sbagliato? Perchè pubblicano certe storie (anche insulse) e non la mia?
Di certo il periodo di vacche magre non aiuta ma penso, senza superbia, di avere talento per l'illustrazione.
So fare uno storyboard, so usare i colori, so fare il conto delle pagine.
Forse, più che altro, nei progetti presentati fin'ora, non c'era abbastanza di me stessa, non c'ero IO, la mia personalità, il mio sarcasmo, la mia acidità.
Forse ho ascoltato troppo il parere altrui e poco il mio.
A volte, invece, fare di testa propria può essere la strada giusta, nel bene e nel male, perché non si hanno rimpianti, non ci si arrovella nei se e nei ma.
Ciò non significa non chiedere consigli, ma neanche dipendere dal giudizio altrui.
Quindi, facciamo che vado, facciamo che la storia che ho in mente sarà terribile tanto quanto me, facciamo che magari non me la pubblicano... ma mi sarò tanto tanto divertita!

lunedì 5 settembre 2011

Esperimento



Quando andavo alle superiori, avevo un grande amore per l'acquerello: una tecnica splendida ma che non concede "pentimenti".
Quando ho cominciato a fare illustrazione, però, ho adottato l'acrilico: duttile, malleabile, trasformista, poliedrico.
Indubbiamente, la mia tecnica...
Ultimamente, però, mi andava un ritorno alle origini: colori liquidi e delicatissimi mescolati con della ruspante grafite.
Il risultato è quello che vedete sopra.
La grafite non è ruspante come avrei voluto: nonostante tutto mi è uscito un segno chic.
Forse devo mettermela via, faccio illustrazioni chic.
Incomprese (per ora) ma chic.
Trés chic.

Chapeau.